09/15 Valentina e Luca 13 Giugno 2015

Vi ringraziamo per averci permesso la realizzazione del nostro sogno …

Valentina e Luca

 

 Il nostro viaggio:

Giorno 1 Partenza da Roma arrivo all’aeroporto Internazionale di Buenos Aires  visita della città, attraverso i suoi luoghi più significativi,tra cui le zone di San Telmo, la Boca, l’aristocratico quartiere della Recoleta ed il moderno e pulsante “barrio” di Palermo.Rientro in Hotel in serata. Il nostro hotel sorge proprio lungo la Avenida 9 de Julio, ad un solo isolato dal celebre Obelisco e davanti al mitico Teatro Colon. 

Giorno 2  Di prima mattina, trasferimento in aeroporto e volo per Trelew . Arrivo e proseguimento per un’indimenticabile escursione alla celebre “pinguinera” di Punta Tombo con servizio collettivo e guida multilingue italiano, che ospita la più importante e numerosa colonia di Pinguini Magellano dell’intera Patagonia. Pranzo libero in corso d’escursione. Dopo la visita, trasferimento a Puerto Madryn, sistemazione in Hotel. La visita a questa riserva deve essere effettuata rispettando l’habitat e la specie

Giorno 3 Prima colazione. Intera giornata dedicata alla visita della Penisola di Valdes, una riserva naturalistica popolata da diverse specie di uccelli, leoni ed elefanti marini, dichiarata dall’Unesco Patrimonio Naturale dell’Umanità. Si lascia Puerto Madryn in direzione nord, e dopo circa 100 km di strada asfaltata si raggiunge Puerto Piramides, dov’è possibile realizzare la
navigazione per l’avvistamento delle balene .Da qui si prende la strada sterrata che si dirige a nord, e dopo 42 km si svolta in direzione della costa, percorrendo un tratto che in 33
km raggiunge la riserva faunistica di Caleta Valdès, dove si effettuerà una sosta per avvistare alcuni esemplari di Elefanti marini e per ammirare il fantastico paesaggio. Si percorre la strada che scende a sud per 42 km in direzione del celebre Faro di Punta Delgada, dove è prevista la sosta per il pranzo. A seguire si effettuerà una visita presso la vicina spiaggia, considerato il miglior sito della Peninsula per l’avvistamento degli Elefanti marini, che qui si riuniscono in colonie piuttosto numerose. Rientro a Puerto Madryn.

Giorno 4 Arrivo e trasferimento in Hotel ad Ushuaia. 

Giorno 5 Dopo la prima colazione si parte per la visita del Parco Nazionale Terra del Fuoco. Appena si lascia la città si gode immediatamente di scorci di eccezionale bellezza, con la vista del Canale di Beagle e degli isolotti popolati da uccelli e leoni marini. Dopo aver attraversato il ponte del fiume Pipo, percorsi quindi gli appena 11 km che lo separano dalla città, si entra nel Parco Nazionale Terra del Fuco. Il nome di questa Regione si dice derivi dai resoconti del grande navigatore ed esploratore portoghese Ferdinando Magellano, che quando raggiunse queste terre nel 1520 (fu il primo europeo a navigare tra le acque dell’Oceano Pacifico) vide le coste illuminate da moltissimi falò che le tribù locali utilizzavano per scaldarsi…
questa suggestiva immagine si mescola alla bellezza di un paesaggio in cui il bosco patagonico è ricoperto di neve, attraversato da fiumi i cui percorsi sono stati modificati dall’opera tenace dei castori che popolano il parco. Rientro ad Ushuaia. Nel pomeriggio si realizzerà la navigazione sul Canale di Beagle,per raggiungere La Isla de Los Lobos, popolata da una
importante colonia de leoni marini. Si fa rotta su la Isla de los Pajaròs, dove si potranno invece ammirare esemplari di uccelli marittimi tipici di questa latitudine, fino a raggiungere in fine il Faro della fine del Mondo, che svetta con orgoglio sull’isolotto omonimo, noto come arcipleago de Les Eclaieurs. Si rientra in direzione di Ushuaia, e mano a mano che si fa buio, il paesaggio diventa ancora più suggestivo, le luci della città, adagiata ai piedi delle montagne che la sorvegliano e proteggono, sono un immagine di grande fascino. Rientro in Hotel

Giorno 6 Arrivo e trasferimento in Hotel ad El Calafate. 

Giorno 7 Dopo la prima colazione trasferimento a Puerto Bandera ed imbarco per iniziare una spettacolare navigazione, durante la quale si possono ammirare enormi iceberg che – dopo essersi staccati dai fronti dei diversi ghiacciai che affacciano sul lago Argentino – vagano navigando sino a disciogliersi. Si raggiunge il fronte del ghiacciaio Upsala, per ammirare la sua mastosa
imponenza, proseguimento lungo il canale che conduce all’Estancia Cristina. Sbarco e visita del piccolo Museo che racconta la storia dell’Estancia e dei primi abitanti della Patagonia. Partenza a bordo di jeep 4×4 per un’avventurosa escursione di c.ca 10 Km attraverso il desolato ma suggestivo paesaggio circostante. Breve passeggiata (20 min c.ca), per raggiungere il “mirador Upsala”, un punto panoramico da cui si può ammirare l’impareggiabile spettacolo offerto dal fronte orientale del ghiacciao Upsala visto dall’alto. Pranzo in Estancia. Nel pomeriggio rientro a Puerto Banderas e successivo trasferimento ad El Calafate.

Giorno 8 Giornata dedicata alla scoperta del Parco Nazionale Los Glaciares, un santuario ecologico dove ghiacciai, laghi e foreste si
estendono su una superficie di c.ca 600 ettari. Per raggiungere il P.N. Los Glaciares, che dista 75 Km da El Calafate, si
attraversa una suggestiva zona di selvaggia steppa patagonica. Passeggiata lungo le passarelle che conducono al
belvedere dal quale si può ammirare il fronte nord del Perito Moreno. Questo immenso ed impressionante monumento
naturale, misura 70 mt di altezza per 3 Km di larghezza. Pranzo libero in corso d’escursione per sfruttare al meglio il tempo
a disposizione per godere di questo straordinario paesaggio. Nel pomeriggio rientro ad El Calafate. 

Giorno 9 Arrivo all’aeroporto di Santiago e sistemazione presso l’Hotel dell’aeroporto 

Giorno 10 Arrivo all’aeroporto di El Loa e trasferimento a San Pedro de Atacama (circa 1 e mezza) attraversando la “Cordillera Domeyko de la Sal”. Nel tardo pomeriggio visita della cordigliera del sale, la valle di Marte (chiamata anche valle della morte) e la Valle della Luna, qui ci fermeremo ad osservare l’affascinante tramonto sul deserto di Atacama. Rientro in Hotel. 

Giorno 11 Prima colazione in Hotel. Giornata di visita alle lagune Miñiques e Miscanti, due piccoli laghi d’altura della Reserva Nacional de los Flamencos. Con un percorso di circa 350 km arriveremo a toccare i circa 4.500 mt sul livello del mare. Sosta al villaggio di Socaire e della sua piccola chiesa coloniale. Rientro a San Pedro previsto per il pomeriggio. Sosta per la visita di Toconao, un piccolo “pueblo” coloniale interamente costruito in “liparite”. Proseguimento verso il Salar de Atacama, distesa di sale di rara bellezza che si estende per circa 300.000 ettari con una larghezza di 100 chilometri. Visitando il Salar arriveremo alla Laguna Chaxa, con i suoi fenicotteri rosa. Rientro in hotel a San Pedro de Atacama.

Giorno 12 Partenza prima dell’alba (4.00 del mattino) per i Geiser del Tatio. Arrivo e visita guidata del campo geotermale per osservare le fumarole prima dell’alba. Colazione di fronte ai Geiser e rientro a San Pedro d’Atacama. Lungo il percorso si godrà della spettacolare vista dei Vulcani Tocorpuri e Sairecahur. Proseguimento per Machuca punto di sosta per le carovane di lama che percorrevano la via degli Inca. Il resto della giornata è a disposizione per la visita libera del paese e del mercato artigianale. Rientro in hotel.

Giorno 13 Dopo la prima colazione trasferimento in aeroporto a Calama e volo per Buenos Aires con cambio a Santiago Arrivo all’aeroporto Internazionale di Buenos Aires accoglienza e trasferimento in Hotel.

Giorno 14 Giornata libera 

Giorno 15 Prima colazione e trasferimento in aeroporto. Volo di rientro per Roma.